Progetto di Consulenza. Gestcooper partecipa alla Misura 2 del P.S.R. 2014 – 2020

Partendo da quelle che sono le attività e gli scopi previsti dallo Statuto, il Consorzio negli anni ha sempre lavorato per accrescere e ampliare le proprie competenze in ambito agricolo, al fine di raggiungere sempre nuovi obiettivi e poter offrire servizi di elevato contenuto tecnico e professionale. Con questa partecipazione si vuole segnare un ulteriore passo avanti nei confronti delle necessità e dei fabbisogni della cooperative agricole e dei loro soci.

Il Progetto di consulenza, elaborato da Gestcooper sca con la collaborazione delle cooperative aderenti, si configura infatti come un Sistema integrato cooperativo di consulenza per l’innovazione in agricoltura, realizzato a favore di cooperative e imprese socie, a cui sarà dedicato, all’interno del sito web www.gestcooper.it, un’intera sezione interattiva, di approfondimento e di riepilogo dei servizi offerti.

Il progetto si caratterizza per organicità di visione, essendo rivolto all’intera filiera cooperativa, e definisce, a seguito di un’indagine condotta, i fabbisogni di consulenza delle imprese socie per il miglioramento della gestione aziendale, la tutela ambientale, la valorizzazione dei prodotti e la crescita dei redditi.

Sulla base del beneficio riflesso che il servizio di consulenza ricevuto può avere sia sull’intero tessuto della singola cooperativa sia, data la collaborazione intercooperativa, su tutte le cooperative dello stesso comparto e territorio, con effetti sinergici e cumulativi, uno degli obiettivi è proprio quello di dare ulteriore sviluppo, nella cooperazione agricola, a un modello comunicativo dell’innovazione di natura circolare.

Gest cooper scarl, nella sua qualità di Organismo di Consulenza, ha individuato lo staff tecnico dedicato al Progetto e dotato di requisiti di competenza ed esperienza per gli ambiti di consulenza previsti dalla normativa: questo sarà costituito dal personale tecnico di Gest cooper scarl per le consulenze erogate a favore delle cooperative agricole e da liberi professionisti.

Lo svolgimento delle attività da parte del Consorzio ha comportato, nel corso degli anni, l’instaurarsi necessariamente di strette relazioni tra la struttura operativa e le cooperative. Ed è proprio la qualità delle relazioni tra le persone, fatta di contatti frequenti, di fiducia e stima reciproche e di confronti sui problemi e sulle soluzioni, che rappresentano la condizione di partenza per la riuscita di questo nuovo progetto e di un’elevata efficacia delle diverse iniziative.

Gli ambiti di intervento di consulenza verteranno su:

  • A) Obblighi a livello di azienda risultanti dai Criteri di Gestione Obbligatori e dalle norme per il mantenimento del terreno in Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali ai sensi del titolo VI, capo I, del Regolamento (UE) n. 1306/2013
  • B) Le pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente di cui al titolo III, capo 3, del regolamento (UE) n. 1307/2013 e il mantenimento della superficie agricola di cui all’articolo 4, paragrafo 1, lettera c), dello stesso regolamento (UE) n. 1307/2013.
  • C) Ammodernamento dell’azienda, perseguimento della competitività, integrazione di filiera, innovazione, orientamento al mercato nonché promozione dell’imprenditorialità.
  • D) i requisiti a livello di beneficiari adottati dagli Stati membri per attuare l’articolo 11, paragrafo 3, della direttiva 2000/60/CE.
  • E) i requisiti a livello di beneficiari adottati dagli Stati membri per attuare l’articolo 55 del regolamento (CE) n. 1107/2009, in particolare l’obbligo di cui all’articolo 14 della direttiva 2009/128/CE;
  • F) Norme di sicurezza sul lavoro e norme di sicurezza connesse all’azienda agricola.
  • L) Misure rivolte al benessere e alla biodiversità animale.
  • M) Profili sanitari delle pratiche zootecniche.

Leave a Reply

Your email address will not be published.